domenica 27 dicembre 2009

Vicino alle famiglie colpite dall'esondazione del Serchio‏

Poche parole di amicizia e di vicinanza alle famiglie colpite dall’esondazione del fiume Serchio. Purtroppo solo tra ieri ed oggi, per le molteplici chiamate ricevute (i TG hanno dato poco risalto alla situazione drammatica), ho capito la gravità della situazione che stanno vivendo molte famiglie tra Migliarino, Nodica, Massaciuccoli. Centinaia sono gli evacuati e ingentissimi i danni alle case e alle aziende coinvolte nella zona allagata. I Comuni, le Province, la Protezione civile, i vigili del fuoco, sono gia mobilitati da diversi giorni. Ora è il momento di lavorare senza sosta per ridare un senso alle tante famiglie in difficolta… e una volta superata la criticità di lavorare per trovare le risorse necessarie per riparare i danni e ritornare alla normalita.

A loro un mio pensiero di vicinanza (anche se in questi giorni sono a trascorrere le festività nella mia terra natia) e il sostegno umano e professionale. Sono certo che con la forza d’animo propria di queste popolazioni riusciranno a far tornare la normalità in brevissimo tempo.

Antonio

P.s. Fortunatamente questa tragedia non ha provocato decessi…ma deve servire ai nostri poltici regionali e nazionali come monito per affrontare piu seriamente il tema del dissesto idrogeologico. Come su molti temi, se ne parla molto… ma in realtà si fa davvero poco per evitare quello che è successo in questi giorni in provincia di Pisa.